“La porti un bacione a Firenze”

Forse  le 2 volte che sono stata a Firenze  (si, spesso in alcune città ci sono stata 2 volte) questa canzone non la conoscevo poiché ne sono venuta a conoscenza durante un musical sulla Divina Commedia e mi ha fatto sorridere come sia stato il primo titolo che mi sia venuto in mente per questo post.

Immagine 032

Santa Maria del Fiore

Mi sono lasciata ispirare da mia sorella che ha passato qualche giorno nella cittadina toscana qualche settimana fa (come avevo già scritto in un post precedente proprio sulla Toscana) e mi sono detta: qualcosa da dire su Firenze non ce l’hai? Certo che si! (sono un chiacchierona e qualcosa da dire su qualcosa la trovo sempre).

Per dare veridicità alle mie chiacchiere sono andata a ripescare la guida della città. Costo 7000 lire. 7000 lire? Ma quando l’ho comprata? Quanto sono vecchia? Sicuramente è un reperto dei miei 16 anni perché quando sono tornata in città era il 2008 e la moneta corrente era già l’euro.

La mia prima visita è stata fugace, un giorno per ammirare il Duomo, Santa Croce, Santa Maria Novella, la casa di Dante, piazza della Signoria e Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio…

La seconda volta invece mi sono superata: 5 giorni! Io e Giuseppe ci siamo andati in macchina e per me è stato bellissimo soprattutto perché ho avuto modo di apprezzare la fiorente industria della pelletteria e dare sfogo alla  mia innata passione per le borse: ne ho comprate 5 (ma 2 erano per mamma e per mia sorella).

Ricordo un hotel carinissimo, col letto a baldacchino e  che abbiamo girato davvero tanto.  Sono tornata nei luoghi già visti e in più ho ammirato la città dall’alto della Cupola di Santa Maria del Fiore e del Campanile di Giotto. Sono stata a San Lorenzo (ed al suo mercato), a Orsammichele, alla Galleria dell’Accademia ad ammirare il David, a Palazzo Pitti (la mia prima immagine del profilo di Facebook mi ritraeva seduta proprio lì davanti). Sono stata al convento di San Marco a vedere l’opera di Beato Angelico, alla chiesa del Carmine ad ammirare Masaccio, alle cappelle medicee e soprattutto finalmente agli Uffizi. Giotto, Simone Martini, Piero della Francesca, Paolo Uccello, Masaccio, Botticelli, Raffaello, Michelangelo…un condensato di arte medievale e moderna…e il povero Giuseppe che non ne poteva più. Allora in città viveva un mio amico di Toritto e ci aveva fatto compagnia per qualche ora.

E comunque la guida vintage ha il suo perché, merita ancora…

(Le foto le ha scattate mia sorella nei giorni scorsi. Di vintage solo la guida)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...